16 Summerrise – La sentenza

Home/La Compagnia del Cinghiale/Calendario/16 Summerrise – La sentenza
By |Published On: 04/07/2020|Tags: , , , |

Alla sera nella corte della locanda “La mano dell’uomo morto” si riuniscono i capi famiglia di The Hollows per decidere e giudicare ciò che è accaduto negli ultimi giorni. La loro pacifica e monotona vita ha subito troppi sconvolgimenti e nulla viene lasciato al caso, nonostante ogni questione sia ben lungi dall’essere di facile risoluzione.

Si discute a lungo e per il giudizio di Bodlo, accusato di omicidio, viene chiesto al Signore del Forte di applicare la sua legge dato che la compagnia è giunta li per suo ordine. Malak parte come portavoce.

Dopo 3 giorni vengono infine prese le seguenti decisioni: Yawim divine il nuovo balivio e Vike viene esiliato. Dal Forte Malak riporta una lettera scritta di suo pugno da Hogar in persona
“Gli uomini da me mandati avevano ed ancora godono della mia più completa fiducia. Tanto che
preoccupato dalle incursioni dei goblin sempre più vicine alle terre di Hollows, con cui si ha un
amicizia ed un rispetto solido, li ho proprio inviati in vostro soccorso e gli Dei hanno fatto si che
fossero li proprio nel momento del bisogno per evitare il saccheggio.
L’omicidio di cui mi si parla è fatto grave. Ed ecco le mie leggi:
Fratello Sturkas da quando io ho appreso non ricopriva un ruolo importante o di comando nel
villaggio men che meno forniva sostentamento alla comunità. Era però persona fedele al villaggio e
si adoperava per la sua protezione.
Che sia quindi versato da Boldo un pagamento del valore della vita di un uomo alla famiglia e se
questa inesistente sia allora alla comunità di The Hollows.

Udite queste parole nessuno fiata. Yawin quindi così si adopera a fare.